Come acquistare VPN pagando in Bitcoin

Michele Sabatini
Scritto da Sabatini Michele
Fondatore di VPNMigliore.it
Ultimo Aggiornamento: 26 Dicembre 2021 alle 10:05

Una ristretta cerchia di persone, nel campo dell’acquisto di VPN, preferisce rimanere anonima e pagare tramite le cryptovalute.

Infatti sappiamo come, oltre ai classici metodi quali paypal o una carta di credito, questi servizi possano essere acquistati tramite monete crypto, in particolare il bitcoin.

Se anche tu sei interessato a questo speciale metodo di pagamento questa guida è quello che fa per te.

Sai che è realmente possibile acquistare una VPN tramite bitcoin? Sembra fantascienza, invece grandi provider offrono questa possibilità di pagamento ai loro clienti.

Se il tuo obiettivo è quello di acquistare una VPN tramite una Cryptovaluta, allora leggi questa guida. Se invece hai fretta, ecco un elenco che riassume le migliori VPN acquistabili tramite Bitcoin sul mercato.

La migliore VPN acquistabile con Bitcoin è sicuramente ExpressVPN:

ExpressVPN: veloce, sicura e semplice da installare. Non si può volere nulla di più per una VPN, soprattutto a questo prezzo.

Come acquistare una VPN con Bitcoin?

Prima di capire come fare per acquistare una VPN tramite bitcoin, è bene fare un piccolo passo indietro e mostrarti perché pagare in maniera totalmente anonima sia una mossa conveniente.

Il primo punto è certamente quello della maggiore sicurezza: infatti, con i mezzi tradizionali si deve sempre essere attenti a disporre di misure antifrode efficaci.

Da una parte, per essere certi che il pagamento venga effettuato dal reale proprietario della carta, dall’altra per l’acquirente, il quale si trova di fronte ad un’interazione nel mondo di internet che lascia le proprie tracce in modo inequivocabile.

Come?

Molto spesso attraverso il rilascio di credenziali quali indirizzo di fatturazione o nome completo. dell’acquirente

Si sa, queste informazioni vengono archiviate presso la società che elabora i pagamenti (e non la VPN), ma sappiamo altrettanto bene come le fughe di dati siano all’ordine del giorno.

Tutte queste tracce possono permettere tranquillamente a chiunque di poter risalire alla persona specifica che ha acquistato la VPN.

La domanda che ti starai ponendo adesso è: dunque è necessario pagare in forma anonima? Probabilmente no, ma rimane una mossa intelligente.

L’unico, reale, svantaggio potrebbe identificarsi con la manualità richiesta dal pagamento visto che non esiste un modo per fatturare in cryptovalute.

Ora possiamo passare alla guida su come acquistare VPN con bitcoin.

Questo metodo ti permetterà di non lasciare traccia.

La cryptovaluta digitale è totalmente anonima, il bitcoin in particolare è quello maggiormente accettato. Infatti, più del 50% dei provider VPN la approvano, specie le migliori.

I pro di un pagamento simile sono:

  • Accettazione del bitcoin praticamente ovunque;
  • Tassi di cambio vicini al valore esatto, con costi in dollari dell’anonimato aggiuntivo al ribasso.

Ma come fare?

Semplice, ti basterà cercare il logo del bitcoin sotto i metodi di pagamento del sito web della VPN che intendi acquistare.

A questo punto i passaggi sono essenzialmente quattro:

  1. Creare un portafoglio bitcoin;
  2. Acquistare la crypto moneta;
  3. Iscriversi al servizio VPN che accetta questo tipo di pagamento;
  4. Trasferire i bitcoin direttamente al provider VPN.

Una volta selezionato questo come metodo per acquistare la VPN, paga inserendo le informazioni del tuo account. A questo punto verrà automaticamente generata una fattura che terrà conto della transazione.
All’interno di essa saranno presenti notifiche quali:

  1. Il numero del portafoglio;
  2. Il prezzo rivalutato in bitcoin;
  3. Il codice QR da scansionare.

Solo dopo questi passaggi riceverai un’email dal provider dove conferma di aver ricevuto il pagamento. Successivamente te ne arriverà un’altra con il codice di attivazione dell’account VPN.

Quali sono le migliori VPN acquistabili con Bitcoin?

Esistono moltissimi provider nel campo delle VPN, ma non tutte sono consigliabili.

Per un motivo o per un altro possono risultare inadatte, magari troppo costose o non performanti.

Ovviamente, la prima caratteristica da tenere in considerazione è che accettino pagamenti in bitcoin, altrimenti verrebbero escluse a priori da chi vorrebbe rimanere anonimo durante l’acquisto

ExpressVPN

La prima VPN di cui ti parliamo è ExpressVPN.

ExpressVPN 10/10

  • Server
    3000
  • Paesi
    160
  • P2P
  • Cina
  • Costo
    5.77
  • Possibilità di installare la VPN direttamente nel router

  • Funziona su qualsiasi dispositivo connesso ad internet

  • Perdita minima di velocità quando ci si connette a server lontani

  • Supporto in live chat 24 ore su 24

  • Kill Switch per rendere più sicura la tua connessione

  • Split Tunneling per connetterti come e quando vuoi

Il primo, enorme, vantaggio è la discrezione e la sicurezza in tema di privacy.

Il provider, poi, è così convinto che il suo servizio sia impeccabile da garantire persino la copertura “Soddisfatti o rimborsati” per ben 30 giorni.

Ciò che la rende una delle migliori sul mercato è la sua intuitività e la semplicità di utilizzo nelle attività tipiche di una VPN.

Quali sono? Semplice:

  • Navigare senza lasciare traccia;
  • Sbloccare siti web che non sono accessibili dal paese in cui ti trovi;
  • Poter guardare film, sport in streaming a video ad una velocità di connessione superiore.

Un vero e proprio impero cibernetico, che vanta oltre 3.000 server in quasi 100 nazioni del globo.

Un servizio che è anche un manifesto.

Sì, perché il provider dona ogni anno milioni di dollari a organizzazioni no-profit che lottano per il diritto alla privacy e per combattere la censura in tutto il mondo.

Nello specifico del collegamento ad un server italiano il tempo di connessione è di 3 secondi: un lasso accettabile se si pensa a quanto si è tutelati.

Tuttavia, la velocità di connessione varia un po’ nei paesi extraeuropei, ma niente di troppo significativo.

Proprio questa capacità di performare sia dentro che fuori l’UE permette ad ExpressVPN di essere uno dei provider più veloci esistenti.

Un altro punto forte è rappresentato dal Network Lock.

Cos’è?

Il Kill Switch, ossia l’interruzione automatica del traffico sia in ingresso che in uscita finché la connessione alla VPN non si sarà ristabilita di nuovo. In questo modo vengono protetti i dati e si evitano danni al sistema.

Ulteriori caratteristiche interessanti sono la facilità di utilizzo e la possibilità di utilizzare la VPN su qualsiasi dispositivo: dal computer (Windows, MAC o Linux) al tablet, dalla console al cellulare.

Come se non bastasse, ti sarà possibile connetterti dal browser che preferisci, senza distinzioni.

Vuoi un esempio in termini pratici di quanto sia ottima questa VPN? Semplice, è possibile sbloccare senza problemi i catalogo Netflix.

Basta solo effettuare il login.

A questo punto ti starai chiedendo se esistono dei contro.

La risposta è sì, come per qualsiasi servizio. Ma i benefici li superano di gran lunga.

Questi ultimi sono:

  • Possibilità di scaricare la VPN su tutti i dispositivi;
  • Software semplice da installare;
  • Velocità elevata, perfetta per lo streaming;
  • Grande scelta di server ai quali collegarsi;
  • Rimborso totale in caso di insoddisfazione.

I contro, invece:

  • Il prezzo è più elevato di altre VPN;
  • Non possiede un indirizzo IP dedicato.
Paesi 160
N° di Server 3000
Dispositivi in Simultanea 5
P2P Si
Torrenting Si
Cina Si
Straming Si
Perdità Velocità Media 30%

NordVPN

Un altro VPN provider più conosciuti e performanti in assoluto è NordVPN.

NordVPN 10/10

  • Server
    5.700
  • Paesi
    80
  • P2P
  • Cina
  • Costo
    3.11
  • Più di 5700 server in oltre 50 Paesi

  • Supera il GreatFirewall Cinese

  • Possibilità di collegare fino a 6 dispositivi in simultanea

  • Ottime prestazioni a livello di velocità

  • Crittografia con algoritmo AES-256-GCM

  • Assistenza H24, 7 giorni su 7

Uno dei suoi marchi di fabbrica è l’affidabilità sotto il profilo della sicurezza.

L’ideologia è portata avanti da una strict no-long policy, ossia da una politica di non-registrazione, così che i dati non possano essere raccolti, divulgati o condivisi.

In pochi anni è riuscita ad installare server in ben 80 paesi del mondo. L’unica assenza davvero rilevante è quella della Russia, per il resto la copertura è ottimale.

Come per la precedente, anche NordVPN può essere installata su tutti i dispositivi e riesce a mantenere una connessione piuttosto buona fino a 6 collegamenti con un unico abbonamento.

Anche in questo caso saresti coperto dalla garanzia “soddisfatti o rimborsati” entro 30 giorni.

Ma la cosa davvero incredibile di NordVPN è la presenza di un supporto costante che ti permetterà di chiarire qualsiasi dubbio.

Per ciò è stata predisposta la chat dal vivo, con assistenza in tempo reale (solo in inglese).

NordVPN non è da meno neanche sul fronte Netflix, ad esempio, dove è in grado di sbloccare tutti i contenuti.

Analizzati tutti i pro, possiamo definire i contro:

  • Prezzo un po’ più alto della media;
  • Mancanza della lingua italiana sul fronte assistenza;
  • Velocità di download migliorabile.
Paesi 80
N° di Server 5.700
Dispositivi in Simultanea 6
P2P Si
Torrenting Si
Cina Si
Straming Si
Perdità Velocità Media 50%

Surfshark

Tra le VPN più economiche abbiamo lei.

SurfShark 9.95/10

  • Server
    1700
  • Paesi
    63
  • P2P
  • Cina
  • Costo
    1.85
  • Dispositivi Illimitati

  • Miglior prezzo sul mercato

  • Più di 1700 server in oltre 63 paesi

  • Sblocca Netflix al 100%

  • Non registra i logs dell'utente

  • Crittografia AES-256, massima sicurezza

Un prezzo davvero competitivo e un servizio molto valido.

Appare evidente come, per un costo così basso, non potrai pensare di poter ottenere quello che puoi avere con una spesa maggiore, ma Surfshark offre tutto ciò che una classica VPN di base deve garantire.Uno dei primi punti è uno

standard di sicurezza maggiore rispetto alla classica connessione che possiedi.

Quel che è certo è che tra le migliori in Italia, anche per il rapporto qualità/prezzo.

Cosa c’è oltre al risparmio? Te lo diciamo noi:

  • La funzionalità. La possibilità di sbloccare qualsiasi servizio dal tuo dispositivo.
  • Ancora, la stabilità della connessione;
  • La sicurezza, tutelata dalla politica del no-log, quindi evitando la registrazione;
  • Il supporto;
  • Eliminazione di pubblicità, così come la protezione da spyware, malware e altri virus;
  • Perfetta per il gaming, supporta perfettamente sia X-Box che PlayStation.

Ci chiederai dov’è la fregatura in un servizio così completo e ad un prezzo tanto stracciato.

Diciamo che, come per qualsiasi prodotto, anche Surfshark ha delle lacune, ma il gioco vale assolutamente la candela.

Gli svantaggi sono:

  • Velocità di connessione un po’ più bassa rispetto alla concorrenza;
  • L’impossibilità, almeno per ora, di poter pagare direttamente in bitcoin.

Cyberghost

La penultima VPN che vi presentiamo è Cyberghost, uno dei provider più apprezzati ed utilizzati nel mondo.

CyberGhost 10/10

  • Server
    6700
  • Paesi
    90
  • P2P
  • Cina
  • Costo
    2.75
  • Estremamente Veloce

  • Semplice da utilizzare

  • Interfaccia intuitiva (User Friendly)

  • Utilizza i migliori protocolli di protezione

  • Un grande numero di server a disposizione

  • Puoi connettere fino a 7 dispositivi in simultanea

Ottima sotto ogni punto di vista: semplice da installare, facile da usare. Abbastanza potente, server sicuri e performante.

La sua copertura conta ben 90 paesi in tutto il mondo ed elude qualsiasi blocco territoriale.

Ma ciò che sorprende è il suo altissimo standard in termini di privacy.

Il servizio, infatti, opera sotto la rigorosa ala della no-log policy.

E il supporto?

C’è la sezione FAQ per le domande più diffuse e c’è il servizio di chat live per parlare con un operatore. I tempi di attesa sono davvero brevi. Tuttavia, sarà possibile leggere e parlare solo in inglese, francese e tedesco.

Il pagamento può essere effettuato anche in bitcoin.

E gli svantaggi? Ci sono sempre.

Cyberghost non è tra le VPN più veloci che ci siano, ma il tutto viene compensato da un prezzo certamente inferiori rispetto alle concorrenti.

Ancora, non conviene acquistare l’abbonamento mensile perché è quello che fa risparmiare meno.


Private Internet Access

Ultima VPN di cui parliamo è PIA.

Private Internet Access 8.99/10

  • Server
    12267
  • Paesi
    74
  • P2P
  • Cina
  • Costo
    2.66
  • Supporta il P2P

  • Possibilità di connettere 10 dispositivi insieme

  • Oltre 3292 Server in 46 Paesi di tutto il mondo

  • Setup della VPN istantaneo

  • Non registra i logs degli utenti

  • Molto semplice da utilizzare

Uno dei punti di forza è il prezzo, molto competitivo, soprattutto negli abbonamenti.

Gli stessi possono essere pagati con il bitcoin (ma non solo).

Altra caratteristica interessante è la funzionalità del kill switch in caso di cali di tensione o, peggio, intrusione.

Le prestazioni sono buone e non consumano troppa energia.

Un discreto livello che viene mantenuto su più dispositivi (sia Apple che Android), con una connessione da 127 a 70 Mbps.

La copertura è di soli 45 paesi, ma tutto sommato sufficienti per la fascia media di mercato.

Gli svantaggi, bisogna dirlo, qui sono parecchi:

  • Mancanza di server dedicati;
  • Nessuna offerta di trial gratuita;
  • Rifiuto di offrire supporto ai propri utenti;
  • Non c’è traccia di menù dedicati a streaming, torrenting o cloud (ciò perche PIA ha sede negli USA, dunque con una politica contraria a queste attività).

Perché acquistare una VPN con Cryptovalute? Quali sono i vantaggi reali

Ti chiederai perché acquistare un servizio di VPN con i bitcoin e se ne valga la pena.

La risposta è la stessa di inizio articolo: sì, se sei una persona che tiene alla sua privacy.

Le cryptovalute sono state realizzate proprio per proteggerla e per resistere alla censura.

La motivazione principale rimane quella di nasconderti mentre utilizzi un servizio che nel tuo paese, purtroppo, non ti è possibile sfruttare.

La no-log policy è in grado di proteggerti, non tenendo alcun registro delle tue attività online, rimanendo quindi all’oscuro dei siti web visitati, dei dati trasferiti o dei tuoi download.

Un ultimo consiglio che ci sentiamo di darti è quello di controllare sempre, prima di acquistare una VPN, se essa è obbligata legalmente a fornire i tuoi dati a terzi (le forze dell’ordine).

Se il provider ha sede a Panama, piuttosto che in qualche isola britannica, allora acquista con tranquillità il servizio.

Se, invece, ha sede negli USA o nell’UE, sappi che sono tenuti a farlo.


Michele
Da sempre appassionato di Sicurezza Informatica, ho sviluppato un amore profondo per la Sicurezza dei Dati e la Privacy Online. Ho deciso di scrivere articoli in questo blog per aiutare tutti i miei lettori a navigare con la consapevolezza che i loro dati sono sempre a rischio.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimo Aggiornamento: 26 Dicembre 2021 alle 10:05